header image
 

Quanti cristiani ci vogliono per cambiare una lampadina?

Exploring an ideaCarismatici: uno solo. Le mani sono già alzate.

Pentecostali: dieci. Uno per cambiare la lampadina e nove per pregare contro lo spirito dell’oscurità.

Presbiteriani: nessuno. La luce va e viene in momenti predestinati.

Cattolici romani: nessuno. Usano le candele.

Battisti: almeno 15. Uno per cambiare la lampadina e tre comitati per approvare il cambiamento e decidere chi porta l’insalata di patate.

Episcopali: tre. Uno per chiamare l’elettricista, uno per preparare le bibite e uno per dire quanto era meglio quella vecchia.

Mormoni: cinque. Un uomo per cambiare la lampadina e quattro mogli che gli dicono come farlo.

Unitariani: Scegliamo di non pronunciarci nè a favore nè contro la necessità di una lampadina. Comunque, se nel vostro percorso avete trovato che la lampadina è adatta a voi, va bene. Siete pregati di comporre un poema o a mettere in piedi una danza moderna per il servizio di culto di domenica prossima, nel quale esploreremo un numero di tradizioni di lampadine comprendenti  quelle a incandescenza, al neon, a basso consumo, a lunga durata e colorate, tutte ugualmente valide nel sentiero verso la luce.

Metodisti: indeterminato. Sia che la tua lampadina sia brillante, fioca o fulminata, sei amato. Puoi essere una lampadina ovale, tonda o lunga. Domenica è in preparazione un servizio di culto illuminante. Porta una lampadina a tua scelta e un piatto coperto.

Nazzareni: sei. Una donna per cambiare la lampadina mentre cinque uomini rivedono la politica di cambiamento lampadine della chiesa.

Luterani: Nessuno. I luterani non credono nel cambiamento.

Amish: cos’è una lampadina?

Articolo originale: How many Christians does it take to change a light bulb? (Again) | John Mark Ministries

~ by Giovanni Cappellini on Settembre 11, 2010 . Tagged: , , , , , , , , , ,



2 Responses to “Quanti cristiani ci vogliono per cambiare una lampadina?”

  1.   Oliramo Says:

    Non penso che i Mormoni debbano essere considerati cristiani, forse lo sono di meno dei Testimoni di Geova… comunque forte! 😉

    •   admin Says:

      A rigor di logica, sono da considerarsi “cristiane” (o sette di ispirazione cristiana) tutte le religioni che individuano in Cristo il massimo “profeta” di Dio. Certo che in fin dei conti, la figura di Joseph Smith assume un ruolo maggiore.

Lascia un commento