header image
 

Hai mai conosciuto un "fratello coltello"?

ParingUn coltello lungo e affilato può terrorizzare parecchie persone che pensano subito alle ferite che ne potrebbero conseguire. La stessa cosa vale per i credenti che hanno ricevuto da Dio un talento particolare nel saper sviluppare pensieri e argomentazioni. I ragionamenti di queste persone possono spaventare, soprattutto quando esse sono ferite e amareggiate. Con una di queste persone uno ha sempre la sensazione di essere raggirato, ma non è detta che siano disoneste. Se sono sincere, non è giusto rimproverare loro questo modo di essere, magari usando dei versetti della Parola di Dio, sarebbe come battere la lama di un coltello sulla pietra per farle perdere il filo e renderla inoffensiva, ma quello che otteniamo alla fine è uno strumento inutile che è inefficace per lo scopo per cui è stato costruito: tagliare. Invece un qualunque salumiere è sempre in cerca del miglior coltello e della miglior affilatura perché a ciò è legato un miglior rendimento sul lavoro e indirettamente la possibilità di sfamare più persone.

Una persona che sa parlare e sa scrivere può essere una scheggia impazzita che può finire ovunque. Ma nelle mani di Dio può essere usata per ministrare la sua Parola ad un numero di persone inimmaginabile. Se conoscete una di queste persone, non fatevi prendere dalla voglia di sbattere la loro testa nel muro ogni volta che vi rispondono per il verso, ma abbracciatele, perché voi non potete neanche immaginare quanti prima di voi abbiano già maltrattato queste persone, che avevano come unica colpa quella di avere una mente troppo affilata, e non avete idea di quanto si possano sentire frustrate nel limitarsi nelle loro capacità. Se sono disoneste, allora fate quasi bene a picchiarle, ma concedete il beneficio del dubbio e quando notate un difetto in qualcuno potete stare certi che quello che voi vedete come un difetto Dio lo sa usare per la Sua gloria.

~ by Giovanni Cappellini on novembre 9, 2012 . Tagged: , , , , , , , , , , , , , , ,



Lascia un commento