header image
 

La differenza tra Italia e Germania? Già scritta nelle 95 tesi di Lutero – Paolo Boggi – Il Fatto Quotidiano

Uno dei temi più dibattuti nell’ultimo periodo è il confronto tra il nostro paese e la Germania. Non possiamo evitarlo visto che la nostra affidabilità economica si misura sui parametri della stabilità e produttività tedesca. Ma dietro i numeri e gli algoritmi che determinano lo spread, ci sono gli uomini con la loro storia, e due società e culture radicalmente differenti. Sarebbe molto utile che i commentatori dessero più spazio a questo aspetto essenziale.

La differenza tra Italia e Germania? Già scritta nelle 95 tesi di Lutero – Paolo Boggi – Il Fatto Quotidiano.

Category:  Attualità     

Giusto, qual era l'oppio dei popoli?

A qualcuno ogni tanto vengono delle buone idee, anche se non sono sempre del tutto originali. Per esempio Karl Marx pensò che lavorando tutti, mettendo le ricchezze prodotte in comune e distribuendole con un criterio di uguaglianza a tutti si poteva eliminare la povertà e l’infelicità (perdonatemi la semplificazione). In pratica bastava fare ciò che già faceva la chiesa primitiva, togliendo però l’idea di Dio che sembrava superflua, perché la religione è l’oppio dei popoli. Peccato che è proprio l’idea di Dio che induce l’uomo a comportarsi bene e a rispettare il criterio di uguaglianza. Se non c’è Dio, non vale la pena di comportarsi bene. Guarda un po’, il comunismo è fallito dappertutto (però non è fallito a Cuba, e questo quindi dà ancora qualche speranza). Per così dire, l’attacco del comunismo alla religione è fallito.

Adesso che abbiamo mandato Curiosity su Marte, la scienza ha dato una bella spallata alla religione, e spuntano fuori vignette come questa:

Cara Religione, mentre tu stavi discutendo su quali sandwich di pollo fosse giusto mangiare, io sono appena atterrato su Marte. Sinceramente, la tua amica Scienza.

Geniale. Tutti gli interrogativi che l’umanità si è posta nella sua storia sono risolti perché abbiamo mandato un robot su un altro pianeta. Sì, la religione che si interroga sui sandwich di pollo fa ridere ed è da buttare. Ma se pensiamo che la NASA è finanziata dagli americani, che hanno raggiunto questi risultati distruggendo le popolazioni che vivevano già sul continente americano e che stanno ora sfruttando altre popolazioni mondiali perché nel frattempo le risorse precedentemente rubate non bastavano più, trova benissimo posto una riflessione di Giorgio Napolitano del 1969, che allora scriveva su “L’Unità”, e che parla di oppio spaziale:

Non crediamo che sia così facile cancellare i segni, che d’altronde si rinnovano ogni giorno, dell’aggressione e del massacro nel Vietnam, dell’oppressione e dello sfruttamento nell’America Latina, della politica di rapina e di repressione dell’imperialismo americano nei confronti di tanti popoli, né che sia così facile dimenticare le piaghe della stessa orgogliosa società statunitense… E noi abbiamo fiducia nella capacità di larghe masse lavoratrici e popolari del nostro Paese di non lasciarsi frastornare dai vecchi e nuovi apologeti del “sistema” americano, ed anche di non farsi drogare dall'”oppio” spaziale, di non farsi deviare dalla necessità di una lotta trasformatrice, rivoluzionaria per la soluzione dei propri problemi per la soluzione dei propri problemi e dei problemi di tutta l’umanità sfruttata e oppressa su questa terra…

Category:  Attualità ,Riflessioni      Tagged: , , , , , , , , , , ,

50 sfumature di credenti

Accettare Gesù come proprio salvatore personale è stato molto facile per me, in fondo si trattava di scegliere se mi dispiaceva passare l’eternità in un luogo di tormento oppure no. Molto più difficile è stato capire con chi potevo condividere il mio cammino da cristiano. Con chi credeva nei 5 ministeri o chi consigliava caldamente alle donne di portare il velo? Con chi non vedeva la necessità di un parlare in altre lingue o con chi proponeva il G12? Con chi intonava solo inni solenni o con chi vedeva l’adorazione come un concerto di musica pop rock? Alla fine io ho risolto il mio dilemma mettendo in pratica un unico versetto: “Ciascuno stimi gli altri più di sé stesso”. Non esistono per me credenti con idee superate oppure troppo rivoluzionarie, ma sono semplicemente affascinato da chiunque dica di avere una relazione personale con Dio.

Ci sono in giro molti punti di fede ben scritti. Addirittura io stesso ho partecipato con alcuni ritocchi a quelli di evangelici.net. Se dovessi scriverne di nuovi, farei come quelli che alla voce “razza” mettono “umana“. In cosa credo? In Gesù. Non metterei neanche “Nella Parola di Dio”, perché si crede in una delle interpretazioni della Bibbia, su cui si può discutere, ma su quello che ha fatto Gesù per me non si discute. Vuoi avere più dettagli su ciò che credo per sapere se sono uguale a te? Ti risparmio la fatica: sicuramente abbiamo delle divergenze. Ne possiamo anche discutere, ma potrebbe accadere che qualche dubbio potrebbe minare le tue certezze. Potrebbe accadere che per te non conta solamente Cristo ma anche alcune tradizioni che ti sono state inculcate e che possono essere anche buone, ma non fondamentali per la salvezza.

Sai perché insisto su queste cose? Perché un mio caro amico e fratello in fede, dal quale speravo di avere qualche illuminazione sul dilemma di cui ti parlavo all’inizio e che addirittura mi ha chiarito le idee del tutto dicendomi che non ha capito niente, mi ha mandato il video che segue e che mi ha ricordato che ogni credente dovrebbe essere preparato a rispondere ad una domanda sulla sua fede fatta con una pistola puntata alla tempia. Buona visione e buon ascolto.

Category:  Riflessioni      Tagged: , , , , , , ,

Gesù, amico dei peccatori

Oh Gesù, amico dei peccatori
Apri i nostri occhi al mondo che inizia alla fine del nostro dito puntato
Fa’ che i nostri cuori siano guidati dalla misericordia
Aiutaci a toccare gli altri con cuori e porte aperte
Oh Gesù, amico dei peccatori, apri i nostri cuori con ciò che apre il Tuo.

Category:  Musica      Tagged: , , , ,

C'era una volta… una città sopra un monte

Disse un vecchio a un altro:

“Hai mai sentito parlare della città sul monte? Una volta brillava, e avrebbe continuato a farlo, se non avessero iniziato a litigare. Vedi, i poeti pensavano che i danzatori fossero superficiali, i soldati pensavano che i poeti fossero deboli. Gli anziani vedevano i giovani come dei pazzi, e il ricco non ascoltava il povero. Se ne andarono, uno ad uno, con le proprie opinioni, lasciando tutto alle spalle. La luce iniziò a spegnersi nella città sul monte. Ognuno pensava di saperne di più degli altri, ma erano diversi per natura. Ora tutti stanno cercando quella città, ma era il ritmo dei danzatori che dava vita ai poeti, era lo spirito dei poeti che dava ai soldati forza per lottare. I giovani avevano un fuoco, gli anziani saggezza, ed era la storia del povero che andava raccontata.”

 

Libera traduzione della canzone dei Casting Crowns “City on a hill”.

Category:  Credits      Tagged: , , , , , , , ,

Come "salvare" la tua chiesa in tre settimane

Prima settimana

Cammina avanti e indietro dentro la chiesa vuota questa domenica, e pensa da quanto tempo ne sei membro, quanti sacrifici hai fatto e quanto sei sotto-stimato. Prendi nota di tutto ciò che in questo momento non ti soddisfa della tua chiesa. Prendi nota di ogni persona che a te non piace. Prendi nota di tutte le persone nuove che stanno cambiando la tua chiesa con la loro presenza.

Durante la settimana prendi un caffè insieme ad un altro membro e “apri il tuo cuore”. Discuti di quanto la tua chiesa stia cambiando e di come tu e gli altri siete lasciati in disparte. Chiedi al tuo amico se c’è qualcun’altro in chiesa che è “preoccupato“, e decidete insieme che tu devi “farne oggetto di preghiera”.

Seconda settimana

Manda un’email ad altri membri “preoccupati”. Informali che sta venendo fuori un senso comune di tristezza per dei problemi che per tanto tempo sono stati ignorati. Chiedi a questi membri di tenersi la cosa per sè per non creare divisione.

Quando le lamentele inizieranno a manifestarsi, raccoglile in una petizione per chiedere un resoconto dagli anziani della chiesa. Fai circolare la petizione senza dare nell’occhio. Sarà facile raccogliere consensi. Persino i membri felici possono essere usati se fai leva sulla lealtà: in fondo c’è una parte della chiesa che desidera essere ascoltata. Assicurati di procedere in una maniera conforme allo statuto della tua chiesa, in modo che nessuno abbia nulla da ridire sulla tua petizione.

Terza settimana

Quando il crescente fervore morale, malato ma potente, avrà raggiunto la massa critica, confrontati con gli anziani sulle tue richieste. Informali sulle ferite aperte nella chiesa, ferite che non ti lasciano altra scelta se non quella di continuare ad inoltrare la tua petizione. Informali che, in uno spirito di riconciliazione, le esigenze del corpo di Cristo vanno soddisfatte.

A questo punto, qualsiasi cosa accada tu avrai vinto. La chiesa non è più concentrata sulla diffusione del Vangelo ma sulla tua negatività. In un certo senso, avrai raggiunto il tuo scopo. La tua chiesa avrà bisogno di diversi anni per guarire. Ma in futuro, puoi rifare tutto da capo e tenere la chiesa nello stato che piace a te.

Nota: si tratta di una libera traduzione di un articolo originale di Ray Ortlund intitolato “How to rescue your church in three weeks

Category:  Credits      Tagged: , , , , , , , , , , , ,

Come sapere quando i giornali parlano di fede

“Sconosciuti, eppure ben conosciuti”.

Ai tempi del Nuovo Testamento, si faceva volentieri a meno di parlare dei discepoli di Gesù, e anche oggi non è che tutte le pagine dei quotidiani italiani parlino di espressioni di fede che non siano cattoliche. Tuttavia cercando bene spuntano tante frasi interessanti, frasi che il noto giornalista Paolo Jugovac ha deciso di riportare in una newsletter, Riflessi Etici, che viene comodamente e gratuitamente distribuita per posta elettronica, “come una volta”, ma anche in formati adatti per la lettura su tablet. Da oggi è disponibile anche una fan page Facebook. E’ sicuramente una lettura interessante, oserei dire vitale, per credenti che desiderano capire la realtà in cui viviamo e il modo in cui sono visti degli altri, per sostenere con sempre maggiore convinzione l’attualità del messaggio biblico.

Musical comedy star Dorothy Brunton reading Sid Nicholl´s Fashion-plate Fanny in the children´s section of The Sun newspaper with a small boy at St. Margaret´s Hospital, Sydney, January 1925 / Sam Hood

Category:  Credits      Tagged: , , , , , , , ,

10 buone ragioni per non unirsi ad una nuova chiesa

Una lista di categorie di credenti che una chiesa nascente, la Garden City Church, ha compilato per scoraggiare chi si vuole avvicinare ad essa. Alcuni sono molto condivisibile e valgono anche per chiese già formate.

Continue reading ’10 buone ragioni per non unirsi ad una nuova chiesa’

Category:  Chiese ,Riflessioni     

Nehemia, il prototipo del cristiano "perfetto"

E’ vero che la perfezione assoluta la si può raggiungere solo in cielo, ma esiste una perfezione relativa alla condizione di umanità in cui ci troviamo di cui Nehemia ci fornisce un valido esempio già nel capitolo 1 del suo libro biblico. Continue reading ‘Nehemia, il prototipo del cristiano "perfetto"’

Category:  Predicazioni      Tagged: , , , , , , , , ,

Verso la beatificazione di Giovanni Paolo II: la raccomandazione dell'AEI

La cerimonia di beatificazione di Giovanni Paolo II si svolgerà tra il 30/4 e il 2/5. Fonti vaticane prevedono l’arrivo di 300.000 persone che si riverseranno sulla città. Il programma previsto è spiritualmente disturbante. Come credenti romani, siamo abituati a vivere la tensione spirituale di fronte ad un potere che tiene insieme verità e menzogna, Dio e gli idoli, l’evangelo autentico e i falsi vangeli.

Continue reading ‘Verso la beatificazione di Giovanni Paolo II: la raccomandazione dell'AEI’

Category:  Attualità ,Riflessioni      Tagged: , , , , , , ,